100% Ecologico

Reciclare per migliorare l'ambiente

I nostri prodotti sono al 100% realizzati in Italia, con materiali ecosostenibili e materie di recupero da altri cicli produttivi, senza ausilio di elementi dannosi per l'ambiente.

 

Costantemente ricerchiamo nuove possibilità di utilizzo di fibre e materiali naturali per proporre nuove soluzioni a impatto ambientale positivo, in collaborazione con enti di ricerca e di ingegneria ambientale.


La Juta è un prodotto riciclato da sacchi alimentari, consentendo così di recuperare materiali normalmente destinati allo smaltimento.

Il tessuto è agugliato meccanicamente e non contiene nessun collante o altri prodotti chimici.
 


I BioShelt vengono realizzati con canne palustri che provengono da lavori manutentivi di sfalciatura di canali o paludi in territorio italiano.

A differenza dei comuni shelter plastici possono esser lasciati nell'ambiente, abbattendo così le spese di recupero e smaltimento.

Verso un futuro ecosostenibile

Eliminazione dei fertilizzanti chimici... La "Direttiva Nitrati"


La tutela dell’ambiente, degli ecosistemi acquatici e della salute umana è divenuta prioritaria per la salvaguardia dall’inquinamento, pertanto nelle zone di cui è stata accertata la vulnerabilità del sistema acquatico da nitrati di origine agricola, risulta indispensabile prevedere misure specifiche finalizzate a correggere tale tendenza, attuando restrizioni che limitino, nella pratica agricola, l’uso dei fertilizzanti ed ammendanti contenenti azoto.

Nel 1991 la C.E. con la Direttiva 676 “Direttiva Nitrati” ha dato indicazione agli stati membri di intraprendere le azioni necessarie per individuare le zone a rilevante concentrazione di nitrati nel terreno di origine agricola e le modalità per porvi rimedio.

L’Italia ha recepito il provvedimento nel 1999 con il Decreto legislativo 152 che da mandato alle Regioni di definire “le aree vulnerabili da nitrati” cioè le zone dove i nitrati, presenti nelle acque, hanno raggiunto o stanno raggiungendo, il livello limite. Le zone così individuate dovranno essere sottoposte ad una serie di interventi mirati a risolvere il problema e riportare la situazione nella normalità.

Le singole regioni applicano la normativa individuando la quantità di fertilizzante da utilizzare in coerenza con le regole della buona pratica agricola e le strategie da adottare per ottenere un’integrazione tra agricoltura, allevamento ed ambiente. Non va d’altronde dimenticato che, in materia di contenimento dell’uso dei fertilizzanti e di salvaguardia del sistema “ambiente”, già con il Reg. Ce 1750/99 recepito con D.M. 19.04.99, il legislatore ha inteso “introdurre norme comportamentali di buone pratiche agricole che un agricoltore diligente deve osservare “ (CBPA).

Che cos'è la Pacciamatura / Prodotti di Pacciamatura

"I materiali, destinati alla copertura del terreno per varie finalità operative, quali il controllo
dell'evapotrospirazione, la limitazione della crescita di essenze infestanti, la protezione da sbalzi termici."